domenica 15 marzo 2015

Mani Callose e Sonno pesante

Non mi sono ben chiari certi meccanismi. Stento ancora a credere alle emozioni che sono riuscito a tirare fuori dalle persone, e che sono direttamente scaturite in me. 
Sono giovane e acerbo nel mondo della fotografia, ho quindi l'umiltà di arrivare in punta di piedi di fronte a qualsiasi situazione si pone davanti ai miei occhi. 
Sarà forse per questo che ho ancora le mani callose e il sonno pesante.
Ne vado fiero, sono orgoglioso di essere "vieux jeux" vecchia maniera come dicono i Francesi. 
Si credo ancora nel chiedere per favore e nel dire "merci madame". 



pioggia e picchi solitari



stoke harvester, need almost nothing but make the most out of it